Immagine
  I torrenti del nostro appennino...... di Mirko Dalmonte Martelli
\\ Home Page : Storico : Fiumi - Torrenti - Laghi (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 26/04/2016 @ 19:55:57, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 5032 volte)
Fiume Bidente A.P.S. Santa Sofia - ASD Treponti
by Mirko Dalmonte Martelli


Il fiume Bidente nasce dall'Appennino tosco romagnolo nei pressi del monte Falterona. E' composto a monte da tre diversi rami: Bidente di Corniolo, Bidente di Ridracoli e Bidente di Pietrapazza che si uniscono nei pressi del paese di Santa Sofia.. qui da oltre un anno è nata la nuova area di pesca regolamentata a gestione della ASD Treponti Altobidente.




Una splendida realtà, ben 3 km di fiume che passano all'interno del bellissimo paese di Santa Sofia in pieno cuore romagnolo...



Piane, buche e raschi si alternano creando un ambiente spettacolare e sopratutto ricco di trote... anche di taglia notevole !!



Si può pescare a mosca e spinning, ovviamente NO KILL e con un singolo amo senza ardiglione per lo spinning, due ami per la mosca sempre senza ardiglione.




Lo scenario in cui è nata la riserva pur essendo un tratto cittadino è immerso nel verde, facilmente raggiungibile dagli accessi sul parco fluviale che permettono di parcheggiare e cambiarsi a pochi metri dall'acqua..




il fiume è sempre accompagnato da una pista pedonale, come potete vedere dalla foto che segue... è ben controllato dai soci della società che lo gestisce che passano più volte per vedere come va..



Abbiamo pescato a secca ninfa e streamer raccogliendo tantissimi attacchi e anche belle catture in ripetizione, nelle buche ci sono indubbiamente trote di dimensioni importanti...non mancano barbi e cavedani ma non in grandissima quantità.

 
 
 
Video girato da Graziani Luca proprio mentre slamo una bellissima trota.
 
Ho pescato con una 9' #2 forse leggera per lo streamer e la secca ma nonostante questo mi sono divertito tantissimo... l'accoglienza ai punti dove si ritirano i permessi e la bellezza del paese hanno fatto il resto... un bellissimo posto dove ritornerò sicuramente !

In questa uscita siamo stati accolti e accompagnati dagli amici del club di Faenza e altri amici di Bologna a contorno di una bella giornata di pesca in compagnia...

Tutte le informazioni del caso le trovate su www.trepontialtobidente.it anche sulla loro pagina Facebook.. infine un piccolo consiglio... non dimenticate gli streamer bianchi, le ninfe di piccole dimensioni o di far pattinare le vostre sedge... uomo avvisato... pesce illamato !!!


buon divertimento ..

Mirko Dalmonte Martelli
 
Fiume Montone  A.P.S. Portico di Romagna
by Mirko Dalmonte Martelli

Il Montone è un fiume lungo circa 90 km che nasce in provincia di Firenze, nei pressi del Passo del Muraglione. Il primo tratto ha il nome di Troncalosso; presso San Benedetto in Alpe riceve dalla destra un piccolo affluente, il Rio destro, e poco oltre si immette sulla sua sinistra un affluente di notevole lunghezza, l'Acquacheta (che in passato veniva considerato il primo tratto del fiume), noto per la sua spettacolare cascata in località Romiti (citata anche da Dante in Inf. XVI, 97).



Presso Bocconi riceve da sinistra il Fosso Trebuccio mentre presso Rocca San Casciano vi si immettono numerosi altri affluenti, tra i quali sulla sinistra il Fosso Sant'Antonio e il Fosso di Villanova, e sulla destra il Fosso dell'Acqua Salta.
Fra Dovadola e Castrocaro riceve le acque di un importante affluente, il torrente Brasina, che nasce dalle alle falde del Monte Colombo.


Il Montone è un corso d'acqua dal regime spiccatamente torrentizio con magre estreme in estate e piene improvvise in autunno. La sua portata media è di circa 5 m³/s..

Il tratto in questione è un tratto cittadino, aperto a tutte le tecniche di pesca... non è molto lungo e lo si completa in poche ore, la pressione di pesca è esigua ma non credo possa sopportare più di una manciata di pescatori contemporaneamente senza poi pestarsi i piedi a vicenda..




Acqua trasparente, trote fario e cavedani di grosse dimensioni come ogni tipica riserva qui in terra romagnola.. si alternano piane e buche di media profondità ... ottime per la pesca a secca o a ninfa.




Si può pescare con tutte le tecniche sia NOKILL che a prelievo... occorre però munirsi del tesserino Regionale dell'Emilia Romagna, senza di quello non si pesca.. ricordiamoci che siamo in acque categoria D.
Si pesca con un singolo amo senza ardiglione per lo spinning, due ami per la mosca sempre senza ardiglione... noi abbiamo prevalentemente pescato a secca, anche se a ninfa ho catturato e perso le trote più grosse .. cavedani inclusi.


Il Ponte della Maestà, ponte ad arcata unica che scavalca il fiume Montone.

I permessi per la pesca si possono fare nell'unico bar cittadino e cioè :

Bar Angolo
Via Roma, 1, 47010 Portico E San Benedetto FC
Telefono:0543 967773

qui troverete anche colazioni, pizza e aperitivi meritevoli di essere gustati nei tavoli all'aperto sul fiume... inoltre è proprio all'inizio della riserva in questione accanto ad un ampio parcheggio in prossimità del fiume stesso.





Le trote sono belle, sane e ben ambientate, lottano su ogni mosca garantendoti catture piacevoli ma senza mai dare nulla per scontato...



Infatti la qualità delle acque e la sua grande trasparenza fa si che le trote scappino ad ogni movimento sospetto lasciandoti così ...stupito di cosa avevi a due passi e che non avevi notato... personalmente ho trovato questa location meravigliosa... sia per la qualità delle acque che per la cittadina e il suo bellissimo ponte medioevale ... un borgo antico che ci ha lasciati senza parole per la sua bellezza.


Dicono che a essere "buoni" si possono fare due catture in contemporanea..

Accoglienza al bar e gentilezza degli abitanti fa si che tornerò certo in questo tratto di fiume, che sicuramente rispetto ai miei torrenti estremi è decisamente facile e comodo... ma affrontato con serenità regala ore di puro relax.. Una nota di merito alla Macelleria situata proprio accanto al Bar dei permessi... formaggi e salsiccia "matta" di grandissimo spessore, anche qui merita un altro giro.


Foto tratta da wikipedia

Abbiate cura di queste piccole realtà, sono gioielli dietro casa e meritano rispetto e ammirazione... a volte sembra di essere in un paesino della slovenia con i suoi fiumi di cristallo  ..

Mirko Dalmonte Martelli

 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 06/08/2016 @ 17:12:21, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1257 volte)
Rio Orriele - Gocce di selvaggio !!
by Mirko Dalmonte Martelli

Il Rio Orriele è un piccolo selvaggio torrentino in terra toscana che con le sue davvero scarse acque alimenta il Torrente Savena sopra al lago di Castel Dell'Alpi.



Lo scopri risalendo il Torrente Savena dopo il tratto con le briglie in categoria "D" sopra il lago di Castel Dell'alpi.


Si presenta con scarsissima acqua... specialmente nel periodo estivo, ma in realtà non va mai in secca e nel periodo invernale è soggetto a piene importanti che permettono a loro volta ai pesci di risalirlo..




Non ci sono tantissime trote, ma nelle poche buche importanti qualche bella sorpresa la si può trovare..



Fantastico a secca... lanciando da molto lontano e sfruttando i sassi per nascondersi e appoggiare la coda in questo piccolo ma simpatico rio si può pescare il jolly che ti cambia la giornata...





Non ci sono sentieri comodi per scendere anche se qualche remota traccia di una strada la si può incontrare... ma lo scendi bene e velocemente...
anche tagliando per il bosco che non è nemmeno troppo fitto.





Le trote sono belle, sane , naturalmente ricche di colori e di forza... ogni boccone per loro è vitale e attaccano senza freni... ma basta un rumore e tutto è finito... non prendi niente...



Vale la pena andare solo per questo torrente... ?? mmm forse no... in un paio d'ore
lo fai tutto... ma se come me esci dal lavoro e hai davvero solo qualche ora... allora si !!
E' il posto ideale per un contatto con il mondo reale, quello che ti rende le giornate con il sorriso beota stampato sulla faccia...

Piccoli passi...piccoli fossi... ma tanta tanta bellissima natura, ovviamente wildfly..


Mirko Dalmonte Martelli

 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 06/08/2016 @ 18:07:06, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 4048 volte)
Fiumalbo - Scoltenna - Ponte della Fola
by Mirko Dalmonte Martelli

Oggi parliamo del No kill Ponte della Fola, sito nel torrente Scoltenna fra i comuni di Pievepelago e Riolunato, ed il no kill Fario, che comprende i torrenti Acquicciola e San Rocco a Fiumalbo.




La pescosità è sostenuta con immissioni di Fario adulte da cattura o da allevamento e con immissioni di novellame nei torrenti laterali..



In tutti i no kill è permessa la pesca a mosca o spinning con amo singolo e privo di ardiglione.




In tutte le briglie e anche dall'alto del Ponte della Fola sono visibili meravigliosi esemplari di trota e salmerini... ma "visibili" è ben lontano dal "prendibili" infatti sono pesci esperti e amanti sopratutto del pane che le donne e bambini del luogo amano tirare nelle loro buche...



...ma ogni tanto a forza di insistere qualcosa di particolamente bello crede alle nostre imitazioni.. le catture specie nei tratti veloci sono molteplici, tante trote di misure che variano dai 20 ai 25 cm ... altre anche molto piccole...




I permessi della ZRSP Fario possono essere ritirati presso il Bar Pasticceria "La Tentazione" di Fiumalbo (0536/ 74506), quelli per la ZRSP Ponte della Fola presso la pasticceria "Dolce Vita" a Pievepelago (0536/72060) o la pizzeria "Tavernetta" a Riolunato (0536/75085)




La ZRSP (zona a regime speciale di pesca) Fario di Fiumalbo è il più antico No Kill della provincia di Modena, sorto nel 1990 su una storica bandita di pesca. Si snoda ai lati del paese di Fiumalbo con il tratto sull’Acquicciola e con il tratto terminale del Rio S. Rocco, che risultano meglio perciò meglio sorvegliati ma più antropizzati.

In questa zona si può pescare tutti i giorni munendosi di permesso presso la pasticceria Tentazione.






Il posto è realmente molto bello, l'accoglienza in paese dove fai i biglietti (simbolici... è gratis) per poter pescare è assolutamente fantastica... i paesini poi del nostro appennino sono una perla incastonata a due passi dal cielo... di giorno fa davvero caldo ma ciò nonostante se ti infili su per i torrenti ritrovi immediatamente la frescura... la sera immancabile il "coup de soir" al Ponte della Fola... se non altro per dire a tutti di esserci stato e aver scattato foto bellissime..

Ne vale la pena ??

....Si ... solo il giro ne vale la pena...
se lo fai con gli amici poi non ci sono dubbi !!

Uno speciale grazie ad Alberto Bertagni che ci ha permesso di arrivare con i permessi in tasca senza perdere un solo minuto della nostra pescata.


Mirko Dalmonte Martelli

 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 11/09/2016 @ 12:37:25, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1744 volte)
Fly Fishing Torrente Randaragna
ALLA RICERCA DELL'ULTIMO RIVOLO D'ACQUA

Il Randaragna è un piccolo torrente dell'Appennino bolognese, lungo 5,7 km con un bacino idrografico di 13,5 km², affluente del fiume Reno. Nasce a 1350 metri di altitudine dal Pian dello Stellaio, fra il monte Toccacielo (1442 m) e il monte La Piantata (1449 m), ma riceve anche numerose sorgenti dal monte Orsigna (1555 m); percorre, assai incassato, una vallata punteggiata da casolari (Pacchioni, Lazzaroni, Poggiolo, Roversi, Casa Calistri, Poggio, Nibbio, Boni, Boschi, Casa Forlai, ecc.) tutti appartenenti al comune di Alto Reno Terme e collegati da un sistema di stradine comunali che si avvinghiano ed inerpicano nella valle in mezzo ai boschi con innumerevoli tornanti.



Video montato con lo smartphone



Il filmato girato con lo smartphone raffigura una pescata dei primi di settembre evidenziando la scarsità di acqua... le trote sono apatiche, sopettose e ferme.. ogni minimo movimento le isospettisce.. ogni lancio sbagliato fa saltare la buca. Occorre calma, silenzio.. perizia nei movimenti della canna e del pescatore nell'approsimarsi al torrente.. ora come non mai ogni errore si paga.


Abbiamo fatto fatica all'inizio...abbiamo corso qualche rischio di troppo in almeno due passaggi.. anzi sembrava proprio una di quelle giornate da dimenticare... poi con calma, con il passare dei minuti l'esperienza ha pagato...ed ecco le prime trote ( le uniche di ogni buca ) che pian piano iniziamo a catture sino all'ultima goccia d'acqua..



Un grazie all'amico Alessio Posa che come tante volte mi ha fatto da supporto





Sono tutte cose ampiamente spiegate e rispiegate durante il periodico "Corso di Pesca in Torrente" che in condizioni di acqua alta non sono richieste... Questa è pesca a mosca in torrente !! Questo è Wildfly !!

Mirko Dalmonte Martelli
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Ci sono 322 persone collegate




Cerca per parola chiave
 

Titolo


Gli Autori di Wildfly
La pesca a mosca
Wild Fly Video
Wild Fly Facebook
Lago Bigfish
Catch & Release Imola

Copyright
Disclaimer

Titolo
Accessori (4)
Canne e Mulinelli (6)
Club di Pesca (1)
Corso di Pesca a Mosca (19)
Curiosità (25)
Diplomi e riconoscimenti (9)
Dressing - Fly Tying (21)
DVD VIDEO GRATIS (1)
Fiere e Raduni (3)
Fiumi - Torrenti - Laghi (68)
Gadget Wildfly (3)
Pubblicazioni e Articoli (6)
Sky Tv (2)
Waders & Boots (5)
Wild Fly Video (36)
Zaini & Bags (2)

< ottobre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           


Titolo
Fotografie (2)
Testata (62)

Le fotografie più cliccate



"
"I once gave up fishing. It was the most terrifying weekend of my life." Una volta ho smesso di pescare. E' stato il più terrificante weekend della mia vita.

"


04/10/2022 @ 03:26:09
script eseguito in 117 ms