Immagine
 I torrenti del nostro appennino... di Mirko Dalmonte Martelli
\\ Home Page : Storico : Fiumi - Torrenti - Laghi (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 03/01/2015 @ 11:40:55, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1327 volte)
Il Rio Muraglio



Il Rio Muraglio nasce dal monte monte Cavallo (1471 m), dopo circa 3 km di corso andrà ad unirsi alla Iara, andando poi a confluire assieme nel grande Randaragna.



Il Rio Muraglio è un piccolo torrente appenninico caratterizzato da una alternanza di piccole buche e strette lame. Le trote sono genericamente medio piccole, ma garantiscono divertimento in un ambiente a volte spettacolare.




Il ponte antico, chiamato anche "Ponte Romano", per le sue origini che alcune fonti attribuiscono all'esercito dell'antica Roma, e' stato utilizzato fino alla prima metà del secolo scorso come mulattiera. Collega infatti la strada che scende dal Nibbio con il sentiero che porta a Casa Calistri.



E' piuttosto battuto specialmente dai "fungaroli" anche perchè per lunghi tratti offre un comodo sentiero che accompagna il torrente alla sua destra.

Presenza di schiuse anche di grandi dimensioni, permettono di pescare con mosche generose ottenendo ottime risposte.



La prima parte si presenta "romantica" con il suo bellissimo ponte antico e copiose buche alcune anche profonde, poi a causa di una frana cè un tratto impervio, irto e pieno di ramaglie di ogni genere.... che genericamente i pescatori saltano... io se fossi in voi non lo farei... In seguito il torrente recupera il suo meraviglioso aspetto selvatico riducendo il suo letto man mano che si sale.



Nella parte alta si può raggiungere un piccolo borgo abbandonato, ma con il calare dell'acqua e della larghezza del letto anche le trote si diradano e calano di numero e dimensione. Arrivati sopra al borgo il torrente si divide più volte e non conviene più proseguire la pesca.


Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 21/12/2014 @ 20:41:05, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 2958 volte)
Il Rio Baricello



Il Rio Baricello è lungo circa 7 km, nasce dal versante nord del Monte Orsigna (1555 m) con il nome di Rio Mantara, scende precipite formando numerose cascate, in una valle stretta e boscosissima e attraversata da tantissimi sentieri.



Un torrente apparentemente facile, ma in realtà nasconde parecchie insidie nel suo percorso che è ripido, scivoloso e frastagliato.



E' adatto alla pesca a mosca solo nel pieno caldo poichè è quasi totalmente all'ombra... ottimo in agosto come rifugio dalla calura.



Presenta trote di tutte le misure , con ottime livree, ben pinnate e con colori stupendi...



Immerso nei boschi regala sorprese lungo i sentieri...



Un giro lungo ma che merita per la sua totale immersione nella natura, attenzione però nel weekend ... alta presenza di turisti, ciclisti ed escursionisti.


Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 16/12/2014 @ 17:24:05, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 3958 volte)
Il Torrente Savena sopra Castel dell'Alpi - BO



Il tratto in oggetto è in categoria D, il suo percorso parte da sopra al lago di Castel dell'Alpi che è un piccolo invaso naturale che si trova nell'Appennino bolognese, presso l'omonima frazione del comune di San Benedetto Val di Sambro.



Uno torrente che nella prima parte passa tra piccole case, la presa di un acquedotto e qualche briglia per poi ritornare libero da "intrusioni" umane.



E' il paradiso della trota iridea, Oncorhynchus mykiss, infatti in queste acque la trota ha raggiunto una situazione stabile e si riproduce in totale autonomia raggiungendo anche dimensioni interessanti e presentanto esemplari di tutte le taglie e misure.


Percentualmente su 10 catture almeno 6 sono iridee, decisamente belle e combattive, di una voracità e prestanza che fanno passare esemplari di 20 cm per esemplari di dimensioni più grandi.



Francamente qui di alloctono non cè più nulla, risalendolo sino alle sorgenti scopri che ogni singolo rigagnolo laterale, anche quelli ridicoli larghi meno di un metro, presentano esemplari sani e selvatici di trota iridea...



Sono trote sane, belle, ruspanti ... con evidenti macchie di par e colori che vanno dal verde al rosa... denti e pinne perfetti !!



A mio parere un posto così andrebbe tutelato, difeso e guardato con ammirazione ...

Un posto dove la natura riesce da sola a proteggersi e a resistere ai prelievi, all'inquinamento e alle piene che ultimamente sono state anche piuttosto violente, portando a valle decine di tronchi e sassi.
Si ci sono le iridee, sono tante, sempre belle e piene di forza.. portiamo la misura minima a 25, limitiamo il prelievo a due esemplari o eliminiamolo del tutto !!

Non so quanti posti in Italia possono vantare di avere una popolazione di trote Iridee in piena salute e in totale autogestione che non costano nulla e possono solo dare soddisfazioni se le trattiamo con rispetto..

Meditateci sopra anche voi... ma sono davvero da considerarsi alloctone ?


Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 16/12/2014 @ 11:07:28, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 3078 volte)
Rio Porcini - Limentra Orientale



Il Rio Porcini è un piccolo torrente laterale del Limentra Orientale.



La sua portata d'acqua è sempre ricca e generosa ed è aiutato a sua volta da tre ulteriori suoi piccoli affluenti... tutti quanti pescabili.



E' facile da risalire e lo si può pescare tranquillamente in circa 5 ore.


All'apertura è consigliabile pescarlo a ninfa o ancor meglio a dropper, dopodichè nella stagione calda la pesca a mosca secca la fa da padrone !!





Bello da vedere e sopratutto molto pulito e privo di rifiuti e residui di ogni tipo, Non cè presenza di tantissimo pesce ma le sue trote sono ruspanti e selvatiche, assolutamente ben pinnate e belle da pescare.
Nella parte alta del torrente è possibile trovare tracce di abitazioni, carbonaie e vari essicatoi per castagne.

Attualmente il Rio Porcini fa parte della ZRS Torrente Limentra www.zrstorrentelimentra.com

Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 10/12/2014 @ 21:18:20, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 4023 volte)
Torrente Gambellato


Il Gambellato è un torrente dell'Appennino bolognese e fiorentino, il secondo affluente di destra del fiume Setta per lunghezza, ma primo per estensione del bacino. È lungo 11,4 km e ha un bacino idrografico di 42,8 km².



Nasce in territorio toscano dal Monte Spicchio, fra il Monte Citerna ed il Passo della Futa, a quota 950 m s.l.m., poco distante dal grande Cimitero Militare Tedesco che sorge presso il passo (vi sono seppelliti oltre 30.000 caduti della Wehrmacht nel corso della Seconda guerra mondiale, giacché in questa zona s'attestò per mesi la cosiddetta Linea Gotica).



Dopo la sorgente, il Gambellato entra quasi subito in territorio emiliano. Scende, con direzione nord- est, attraverso una valle che s'incassa fra i boschi e sotto i grandiosi viadotti in conglomerato cementizio ed acciaio dell'Autostrada del Sole, qui presso il valico appenninico, toccando la frazione di Baragazza, ma sempre nei pressi del confine regionale che marca col suo corso fino all'immissione nel Setta. Uno di questi viadotti lo valica un paio di chilometri a valle della Galleria di Valico di Monte Citerna. Riceve piccoli affluenti, sia da destra (è da segnalare il rio Bagnolo), sia da sinistra.



Pur avendo un regime torrentizio, il Gambellato è caratterizzato da deflussi sempre buoni, anche in piena estate (la zona è relativamente piovosa, anche in piena estate), con portate medie annue che possono stimarsi nell'ordine di 2 m³/s e costituisce, insieme col torrente Sambro, il principale tributario di destra del Setta.



La valle, ancorché molto incassata, è bellissima e non appare sostanzialmente deturpata dalla presenza dei grandiosi viadotti autostradali, per lo più realizzati con ponti ad arco impostati su altissimi piloni, poiché questi furono realizzati, seppure in un'epoca - i primi anni sessanta del XX secolo - nella quale le "valutazioni d'impatto ambientale" non esistevano ancora come metodologia progettuale corrente per le grandi opere pubbliche, in modo non troppo invasivo e, ad oggi, sono comunque entrati a far parte del paesaggio montano della zona, anzi, caratterizzandolo.

Nella parte bassa cat. C alta presenza di cavedani e barbi anche di notevole taglia, qualche simpatica e combattiva trota e ovviamente i vaironi. Nella parte alta cat. D qualche vairone e tante trote alcune anche di misure divertenti , purtroppo è facile trovare rifiuti di tipo "cantieristico" brutto ricordo dell'autostrada che lo attraversa in più punti... nel complesso un torrene davvero divertente e con poca pendenza.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Ci sono 282 persone collegate




Cerca per parola chiave
 

Titolo


Gli Autori di Wildfly
La pesca a mosca

Wildfly.it Smartphone WildFly SmartPhone
Wildfly.it Instagram WildFly Instagram
WildFly Video
WildFly Facebook
Lago Bigfish
Catch & Release Imola

Copyright
Disclaimer

Titolo
Accessori (4)
Canne e Mulinelli (6)
Club di Pesca (1)
Corso di Pesca a Mosca (22)
Curiositą (28)
Diplomi e riconoscimenti (9)
Dressing - Fly Tying (21)
DVD VIDEO GRATIS (1)
Fiere e Raduni (3)
Fiumi - Torrenti - Laghi (69)
Gadget Wildfly (3)
Pubblicazioni e Articoli (6)
Sky Tv (2)
Utility (2)
Waders & Boots (5)
Wild Fly Video (37)
Zaini & Bags (3)

< luglio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             


Titolo
Fotografie (2)
Testata (62)

Le fotografie pił cliccate



"
"I once gave up fishing. It was the most terrifying weekend of my life." Una volta ho smesso di pescare. E' stato il più terrificante weekend della mia vita.

"


12/07/2024 @ 22:09:58
script eseguito in 43 ms