Immagine
  I torrenti del nostro appennino...... di Mirko Dalmonte Martelli
\\ Home Page : Storico : Fiumi - Torrenti - Laghi (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 08/01/2015 @ 16:01:59, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 2110 volte)
Il Torrente Veccione



Il Torrente Veccione nasce dal Poggio Roncolombello (m 1016) è lungo circa 8km. Affluente di sinistra del torrente Rovigo a Ronco.
Località: Firenzuola.




Era un piccolo ma meraviglioso torrente pieno di vita, con trote, vaironi e tantissimi gamberi nostrani.




Perchè parlo al passato..? Perchè grazie ai lavori TAV dal 2012 questo torrente è praticamente morto... nei periodi di siccità estivi il suo livello è talmente scarso che lo si può considerare secco.. il deflusso superficiale del torrente Veccione, che scorre vicino alla millenaria abbazia di Moscheta, ha perso 2700 litri al minuto.



Era bello da pescare poichè da dove lasciavi la macchina prendevi un sentiero CAI
che costeggiava il torrente in alto e lo ridiscendevi a piacere sino a quando non eri pronto per risalirlo pescando.. una volta finita la pesca eri praticamente arrivato alla macchina.



L'acqua era di colore verde, a volte leggermente velata, l'ambiente era bello e ricco di ogni tipo di fauna e flora.



I vaironi erano presenti in maniera massiccia, tanto da oscurare le trote. Le loro dimensioni erano generose e molte volte si avvicinavano ai 20 cm.



Le trote presenti specialmente nelle grosse e fonde buche erano belle, sane e combattive.





Ecco un video girato a Casette di Tiara nell'agosto 2012, attualmente non so le sue attuali condizioni, ma difficilmente riusciremo a tornare a pescarci.

L’acqua del Veccione, si legge nei documenti dei comitati nati dal basso per proteggere il Mugello, finisce nella galleria drenante dell’Alta Velocità, la grande opera che permette a tutti noi di risparmiare 22 preziosissimi minuti nel tratto Bologna-Firenze.

Drenare l’acqua vuol dire avere distrutto uno dei più importanti ecosistemi del nostro Appennino.

In un torrente in cui non rimangono neanche più le pozze per la sopravvivenza estiva di questi pesci, i salmonidi sono una specie estinta. Il torrente Veccione temo sia irrimediabilmente biologicamente morto..


Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 03/01/2015 @ 15:53:22, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1077 volte)
Il Fosso del Biscione



Il Fosso del Biscione è un laterale del Torrente Gambellato, lungo circa 5 km e scorre tra Toscana ed Emilia Romagna.


E' un piccolo torrente con scarsissima pendenza e alterna piane a piccoli raschi.




Per pescarlo occorre risalire il Torrente Gambellato dalla sua confluenza con il Setta per circa un chilometro e mezzo. Camminando in mezzo al bosco nelle zone umide si possono incontrare tantissime salamandre e gli immancabili cinghiali.



Le catture si alternano tra cavedani, vaironi , sporadici barbi e ovviamente le trote.. che sono presenti con pochi esemplari ma di una certa importanza, frutto probabilmente di una vecchia semina
.



L'acqua è di colore verde, a volte leggermente velata, l'ambiente è bello e ricco di ogni tipo di fauna e flora.



Si pesca tra pareti di roccia e grossi massi, immancabile la presenza di portasassi in particolare in prossimita dei tanti piccolissimi laterali che si possono incontrare.


A seconda del periodo in cui lo si risale è facile incontrare miriadi di rospi in riproduzione.






Un piccolo posto completamente fuori dal mondo, ma dietro casa... bello principalmente per l'isolamento e la scarsa presenza di pescatori. Assolutamente da fare in due poichè siete fuori dalla vista di tutti e il telefono non sempre riceve il segnale.

Raccomando sempre il massimo rispetto per questi luoghi... qui non si fanno stragi di pesce, anzi, ma le poche catture vissute in questo contesto vi regaleranno un giorno di pace e libertà.

Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 03/01/2015 @ 11:40:55, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 569 volte)
Il Rio Muraglio



Il Rio Muraglio nasce dal monte monte Cavallo (1471 m), dopo circa 3 km di corso andrà ad unirsi alla Iara, andando poi a confluire assieme nel grande Randaragna.



Il Rio Muraglio è un piccolo torrente appenninico caratterizzato da una alternanza di piccole buche e strette lame. Le trote sono genericamente medio piccole, ma garantiscono divertimento in un ambiente a volte spettacolare.




Il ponte antico, chiamato anche "Ponte Romano", per le sue origini che alcune fonti attribuiscono all'esercito dell'antica Roma, e' stato utilizzato fino alla prima metà del secolo scorso come mulattiera. Collega infatti la strada che scende dal Nibbio con il sentiero che porta a Casa Calistri.



E' piuttosto battuto specialmente dai "fungaroli" anche perchè per lunghi tratti offre un comodo sentiero che accompagna il torrente alla sua destra.

Presenza di schiuse anche di grandi dimensioni, permettono di pescare con mosche generose ottenendo ottime risposte.



La prima parte si presenta "romantica" con il suo bellissimo ponte antico e copiose buche alcune anche profonde, poi a causa di una frana cè un tratto impervio, irto e pieno di ramaglie di ogni genere.... che genericamente i pescatori saltano... io se fossi in voi non lo farei... In seguito il torrente recupera il suo meraviglioso aspetto selvatico riducendo il suo letto man mano che si sale.



Nella parte alta si può raggiungere un piccolo borgo abbandonato, ma con il calare dell'acqua e della larghezza del letto anche le trote si diradano e calano di numero e dimensione. Arrivati sopra al borgo il torrente si divide più volte e non conviene più proseguire la pesca.


Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 21/12/2014 @ 20:41:05, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1676 volte)
Il Rio Baricello



Il Rio Baricello è lungo circa 7 km, nasce dal versante nord del Monte Orsigna (1555 m) con il nome di Rio Mantara, scende precipite formando numerose cascate, in una valle stretta e boscosissima e attraversata da tantissimi sentieri.



Un torrente apparentemente facile, ma in realtà nasconde parecchie insidie nel suo percorso che è ripido, scivoloso e frastagliato.



E' adatto alla pesca a mosca solo nel pieno caldo poichè è quasi totalmente all'ombra... ottimo in agosto come rifugio dalla calura.



Presenta trote di tutte le misure , con ottime livree, ben pinnate e con colori stupendi...



Immerso nei boschi regala sorprese lungo i sentieri...



Un giro lungo ma che merita per la sua totale immersione nella natura, attenzione però nel weekend ... alta presenza di turisti, ciclisti ed escursionisti.


Mirko Dalmonte Martelli
 
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 16/12/2014 @ 17:24:05, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1788 volte)
Il Torrente Savena sopra Castel dell'Alpi - BO



Il tratto in oggetto è in categoria D, il suo percorso parte da sopra al lago di Castel dell'Alpi che è un piccolo invaso naturale che si trova nell'Appennino bolognese, presso l'omonima frazione del comune di San Benedetto Val di Sambro.



Uno torrente che nella prima parte passa tra piccole case, la presa di un acquedotto e qualche briglia per poi ritornare libero da "intrusioni" umane.



E' il paradiso della trota iridea, Oncorhynchus mykiss, infatti in queste acque la trota ha raggiunto una situazione stabile e si riproduce in totale autonomia raggiungendo anche dimensioni interessanti e presentanto esemplari di tutte le taglie e misure.


Percentualmente su 10 catture almeno 6 sono iridee, decisamente belle e combattive, di una voracità e prestanza che fanno passare esemplari di 20 cm per esemplari di dimensioni più grandi.



Francamente qui di alloctono non cè più nulla, risalendolo sino alle sorgenti scopri che ogni singolo rigagnolo laterale, anche quelli ridicoli larghi meno di un metro, presentano esemplari sani e selvatici di trota iridea...



Sono trote sane, belle, ruspanti ... con evidenti macchie di par e colori che vanno dal verde al rosa... denti e pinne perfetti !!



A mio parere un posto così andrebbe tutelato, difeso e guardato con ammirazione ...

Un posto dove la natura riesce da sola a proteggersi e a resistere ai prelievi, all'inquinamento e alle piene che ultimamente sono state anche piuttosto violente, portando a valle decine di tronchi e sassi.
Si ci sono le iridee, sono tante, sempre belle e piene di forza.. portiamo la misura minima a 25, limitiamo il prelievo a due esemplari o eliminiamolo del tutto !!

Non so quanti posti in Italia possono vantare di avere una popolazione di trote Iridee in piena salute e in totale autogestione che non costano nulla e possono solo dare soddisfazioni se le trattiamo con rispetto..

Meditateci sopra anche voi... ma sono davvero da considerarsi alloctone ?


Mirko Dalmonte Martelli
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Ci sono 158 persone collegate




Cerca per parola chiave
 

Titolo


Gli Autori di Wildfly
La pesca a mosca
Wild Fly Video
Wild Fly Facebook
Lago Bigfish
Catch & Release Imola

Copyright
Disclaimer

Titolo
Canne e Mulinelli (5)
Corso di Pesca a Mosca (7)
Curiositą (10)
Diplomi e riconoscimenti (6)
Dressing - Fly Tying (20)
DVD VIDEO GRATIS (1)
Fiere e Raduni (2)
Fiumi - Torrenti - Laghi (51)
Gadget Wildfly (3)
Pubblicazioni e Articoli (9)
Sky Tv (2)
Waders & Boots (5)
Wild Fly Video (22)
Zaini & Bags (2)

Catalogati per mese:
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi pił cliccati

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             


Titolo
Fotografie (2)
Testata (46)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Che tipo di pesca preferisci ?

 Spinning
 Mosca
 Al Tocco
 Roubasienne
 Ledgering
 Trota lago
 Bolognese
 Fondo


"
"The fishing was good; it was the catching that was bad." La pesca è andata bene; sono le catture che sono andate male.

A.K. Best
"


16/06/2019 @ 13:19:55
script eseguito in 86 ms




LA LUNA OGGI


Valid XHTML 1.0 / CSS