\\ Home Page : Articolo : Stampa
Rio Selva dei Molini - (BZ)
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 03/06/2015 @ 18:12:13, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 2283 volte)
Rio Selva dei Molini - (BZ)


Il paese di Selva dei Molini (Mühlwald in tedesco) è un comune italiano di 1.476 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige. Il Rio Selva dei Molini e´un tratto naturale di torrente montano con una larghezza di circa 3/10 mt.
Acqua trasparente, natura intatta, trote e dicono rari temoli di tutte le misure che si riproducono naturalmente ... ma francamente di temoli nemmeno le foto..




I permessi di pesca per le riserve menzionate si possono fare in vari hotel della zona, noi nello specifico abbiamo soggiornato nell'hotel Mühlwald, davvero molto carino... anzi "caruccio" ma si sta veramente bene..

La pesca è esercitabile in 3 zone come da foto, la sfiga è che sono 3 permessi diversi e distinti... quindi se decidi per il lago di Meggima non puoi andare che in lago... idem per ogni tratto del torrente, sia sotto che sopra
.
Il regolamento è il seguente:

Torrente Selva dei Molini “ Zona 1” (sotto il lago verso Molini di Tures):
-    la pesca è consentita con una sola canna
-    esche consentite: max. 2 mosche artificiali senza ardiglione
-    tutte le altre esche sono vietate
-    cattura consentita: 2 pesci di cui max. 1 fario da 40cm+ oppure 2 iridee da 30cm+
-    i temoli e le marmorate sono chiuse
Permesso giornaliero:  € 36,00
Permesso “No Kill”       € 27,00

Torrente Selva dei Molini “Zona 2” (sopra il lago fino alla centrale di Lappago):
-    la pesca è consentita con una sola canna
-    esche consentite: max. 2 mosche artificiali senza ardiglione
-    tutte le altre esche sono vietate
-    dal lago fino al secondo ponte la pesca e consentita solo a mosca secca senza ardiglione
-    cattura consentita: NO KILL
Permesso giornaliero: € 27,00

Lago Meggima:
-    la pesca è consentita con una sola canna
-    esche consentite: max. 2 mosche artificiali senza ardiglione oppure cucchiaino con un solo amo senza ardiglione
-    tutte le altre esche sono vietate
-    è vietata la pesca con la „camoliera”
-    cattura consentita: max. 3 pz. 35cm+
-    I temoli e le marmorate sono chiuse
Permesso giornaliero:  € 36,00
Permesso “No Kill”       € 27,00.

Per le informazioni dirette la pesca e i condizioni attuali delle riserve potete chiamare Norbert 348 7059129 e Helmuth 348 2607488, vi risponderanno con estrema disponibilità e gentilezza e con grande precisione.




Ed eccoci a noi, siamo partiti alle 4.00 da Bologna e alle 8.30 eravamo già a fare i permessi, abbiamo pescato tutti in zona 1 sotto al lago, dividendocela in due parti.... come attrezzatura tutti abbiamo pescato con una canna corta (6'6" #2/3) perfetta per questo piccolo torrente.



Il tratto iniziale della riserva parte molto torrentizio per poi finire in piane con acqua bassa e trote di buone dimensioni alternate con minutaglia, si può pescare a secca o a ninfa... noi abbiamo preferito il drop così da permetterci di sondare buche vorticose e piane in un sol colpo.



A seguire risalendo aumentano i massi di generose dimensione e quindi le catture di belle e sanissime trote, possiamo trovare fario di ogni tipo, Puccini incluse e iridee dai colori meravigliosi e una forza incredibile .


Ci si diverte davvero molto, i pesci si sono dimostrati attivi sopratutto a partire dalle 10.00 del mattino ... abbiamo pescato sino a pomeriggio alle 17.00 continuando a catturare ininterrottamente... poi ovviamente abbiamo desistito per via della fame e della stanchezza del viaggio..

Un breve cenno sul tratto superiore (zona 2) e sul lago di Meggima... il tratto che si immette nel lago è sicuramente impegnativo per via della corrente che è molto importante, vi ho pescato a settembre ottenendo poche, in proporzione, ma belle catture come dimensioni.
Fatto in drop con canna da 9' regala sicuramente emozioni e per chi conosce bene questa tecnica tante tante catture...

Il Lago di Meggima, appena riaperto dopo le grandi pulizie del fondale... ora è profondo 5 metri... è stato recentemente ripopolato con trote sui 30/35 cm e sono state rimesse le trote naturali che conteneva prima della pulizia e cioè pesci da sopra il chilogrammo.. da vedere è molto bello, il torrente vie entra e vi esce alla diga, le sponde permettono di pescare bene e non ci sono intralci... detto questo, io ci ho pescato una volta l'anno scorso e francamente il torrente sia sotto che sopra è per me da preferirsi... SEMPRE.

Fare tanti chilometri per pescare in un lago artificiale, seppur bello, non ne vale la pena.. poi fate vobis.




Un consiglio sulle mosche da noi utilizzate.. come secca Royal Coachman, Pheasant Tail e sopratutto i chiromi corpo nero e rigaggio verde funzionano davvero bene... come ninfa la intramontabile Pheasant Tail e la Prince si sono distinte per le numero catture




Ed eccoci qui.... sembra la fine della pescata in realtà è l'inizio del secondo giorno in Rienza sotto al lago di Dobbiaco... ma questa è un'altra storia..

Un grazie agli amici che hanno condiviso questa fuga di due giorni.... se poi iniziassero a fare foto in orrizontale e non solo verticale ne potrei pubblicare anche di più ... :)))


Mirko Dalmonte Martelli - Wildfly.it