\\ Home Page : Articolo : Stampa
Torrente Brasimone
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 03/06/2015 @ 15:45:12, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 2361 volte)
Torrente Brasimone



Il Brasimone è un torrente dell'Appennino bolognese, lungo 22,2 km, con un bacino imbrifero di 73,7 km², principale affluente di sinistra del fiume Setta.

Nasce dal Monte Calvi (1 283 metri), spartiacque appenninico verso il bacino del fiume Bisenzio, in una zona ricchissima di sorgenti perenni e soggetta ad elevata piovosità (anche oltre 2 000 mm di pioggia annui), caratterizzata da un ambiente ad alta valenza pesaggistica (compreso nel Parco regionale dei laghi Suviana e Brasimone), con groppe a prati e boschi dalle quali è possibile ammirare buona parte dell'alto Appennino bolognese e modenese.



Il tratto in oggetto è quello compreso tra il Bacino del Brasimone e il lago di Santa Maria in località Castiglione dei Pepoli.



Il primo tratto è decisamente difficile da pescare in quanto alberatissimo e con molti ostacoli in acqua, le buche in alcuni casi sono profonde e decisamente poco adatte alla pesca a mosca, ciononostante qualche trota la si riesce sempre a catturare, escluse le "BIG" che se ne stanno beatamente sul fondo.


I pesci del Brasimone sono sani, puri e ben pinnati.. nascosti principalmente sotto le radici degli alberi o tra le buche tra i sassi lungo il percorso.



Una altissima presenza di schiuse permette di pescare a secca con imitazioni classiche quali la "Pheasant Tail", le trtote si alternano da buche svogliate a buche in cui la competizione è altissima e permette molteplici catture...




I portasassi sono ovunque e di buona dimensione.. rispetto al passato alcune dei miei spot preferiti si sono riempiti di sassi.. ed altri nuovi ne sono nati.. è un tratto veloce da fare e che uso come rimedio nelle giornate che ho poco tempo, purtroppo in acqua si possono trovare anche materiali edili, uno di questi mi ha tagliato il calzino dei cosciali ad altezza caviglia... inoltre ci sono evidenti tracce di pescatori "Maiali" che lasciano in giro residui di montature con piombi... anche armate di lombrico !!

Conclusioni... difficili da fare.. è sempre bello , ma meno bello del passato... le trote ci sono e in alcuni casi è davvero bello lo scenario in cui si pesca... in altri casi bestemmi per fare dieci metri...
Assolutamente da fare con canna corta e morbida, con filosofia e non tralasciando nessuna buca.. sono quelle "stronze" le più redditizie ..

Buon divertimento !!

Mirko Dalmonte Martelli - Wildfly.it