\\ Home Page : Articolo : Stampa
Il Rio Maggiore 2015 - Un successo annunciato nonostante l'alta pressione di pesca
Di  Mirko Dalmonte Martelli (del 19/05/2015 @ 22:18:17, in Fiumi - Torrenti - Laghi, linkato 1162 volte)
Il Rio Maggiore
Un successo annunciato nonostante l'alta pressione di pesca




Il Rio Maggiore è un corso d'acqua affluente di sinistra del tratto montano del fiume Reno, in provincia di Bologna, lungo 8 chilometri con bacino di 16,4 chilometri quadrati, nel quale vi si getta di fronte alla Stazione Ferroviaria di Porretta Terme, dopo averne attraversato, opportunamente regimato e canalizzato, con corso a briglie e gradoni fra cospicui muraglioni laterali, l'intero centro storico.

Nasce da un ventaglio di rii e torrenti fra il monte Tresca (1.473 m), il monte Cavallo (1.471 m) ed il monte dei Boschi (1.383 m), ma la sua vera sorgente è considerata quella posta sotto la cima del monte Cavallo a circa 1.400 m di altitudine.

Scende, precipite per l'intero corso, per una vallata ampia che, poi, s'incassa, ricevendo da destra e, specialmente da sinistra, numerosi piccoli affluenti.




Da sinistra nell'ordine riceve:
  •     il rio Farfareto formato a sua volta da due rami, uno proveniente dal monte Piella e l'altro dal monte Tresca, lungo circa 2 km;
  •     il fosso della Scopa, proveniente dal monte Piella, lungo meno di 2 km;
  •     il fosso della Piella, lungo circa 2,5 km proveniente sempre dal monte Piella;
  •     il fosso delle Croci, lungo 2,5 km e, soprattutto, il rio Rampaio (lungo 4 km, suo massimo affluente) provenienti entrambi dai boschi del Vivaio di Castelluccio, alle pendici del monte Piella.


Il regime idraulico è marcatamente torrentizio con forti magre estive ed improvvise e grandi piene primaverili ed autunnali... e infatti se ne trovano tracce sopratutto nella parte intermedia...



Abbiamo deciso di affrontare la parte alta, al di fuori dell'abitato in modo da essere più "WildFly" possibile ... purtroppo dopo la camminata di 40 minuti per raggiungere lo spot... la relativa discesa nel bosco per arrivare all'acqua ahimè abbiamo trovato tracce di un pescatore passato nei giorni precedenti... probabilmente il giorno prima...

Non ci siamo persi d'animo e abbiamo proseguito la pesca risalendo e sondando specialmente i punti "dove nessuno pescherebbe mai" ... che è poi la base della mia tipologia di pesca... saltare lo scontato e cercare trote pescando al contrario di dove pescano tutti...




Alla fine della giornata le catture non sono elevatissime come in passato questo spot regalava... ma ci dobbiamo accontentare vista la situazione.. ma se non altro i pesci catturati sono bellissimi e pieni di vita .... e tutti rigorosamente a secca...

Una curiosità, una bella atlantica purissima catturata a ninfa di piccole dimensioni... non ibridata... evidentemente si stanno davvero riproducendo ...

Consigli... il fondale è scivolosissimo !!! Occhio a dove mettete i piedi e studiate la cartina per localizzare i sentieri CAi, non tentate di scenderlo dal fiume  perchè cascate sicuro...

Se potete pescatelo durante la settimana ... nel weekend è troppo frequentato anche da padellari senza fondo ... per chi vuole provare comodo consiglio di risalire parcheggiando alle piscine di Porretta Terme, vi aspetta un alternanza di briglie e piane che regalano belle trote specialmente la mattina presto e la sera con il fresco...


Buon divertimento !!